Bangkok

Una metropoli dal fascino irresistibile: è il minimo che si possa dire di questa città. Un crogiuolo di razze, un panorama economico, artistico e culturale in continua evoluzione rendono questa metropoli un miscuglio senza eguali, di modernità e tradizione. Il più tradizionale spirito thailandese si mescola inestricabilmente con il nuovo portato da una comunità internazionale sempre più ampia e attiva nelle più disparate attività. Le cose da fare e da vedere a Bangkok sono tante e tali che basterebbero da sole per giustificare un viaggio in Thailandia. città di bangkok

Giusto per approcciare questa grande città cerchiamo di descriverne la struttura: la parte metropolitana si estende sulla sponda est del Mae Nam Chao Phraya ed è tagliata in due dalla linea ferroviaria. Il fiume e la ferrovia sono ciò che delimita la parte vecchia di Bangkok con i suoi templi e i suoi mercati dai colori vivi e i sapori forti e il caos tipico di questa zona. Caos che si attenua man mano che ci si avvicina alla zona di maggior interesse turistico della città e cioè il quartiere di Ko Ratanakosin. A nord del fiume si estende la zona turistica di Th Khao San. Nella parte ad est della ferrovia c'è la Bangkok più nuova, forse la meno accattivante ma sempre meritevole di essere visitata proprio per il suo aspetto così urbano e che costituisce la meta preferita per chi ama fare shopping e farsi travolgere da un'atmosfera più consumistica e rutilante. La parte occidentale del fiume è invece quella su cui si sdraia Thonburi che per quindi anni è stata la capitale della Thailandia prima di Bangkok e dall'aspetto più provinciale e tranquillo.

Orientarsi in questa città non è di sicuro la cosa più semplice del mondo, un pò per i nomi non sempre comprensibili delle strade un pò per un intrico di strade che, in alcuni punti, sembrano davvero dei labirinti. Se si ha la voglia e il carattere giusto, perdersi è una delle esperienze più emozionanti che possiate vivere in questa città. In ogni caso è indispensabile una buona guida, una cartina dettagliata e tanta voglia di farsi trascinare avvolti dal traffico e dal rumore. Ma se non vi lascerete spaventare da queste cose Bangkok saprà regalarvi emozioni indimenticabili, come solo una grande metropoli del Sud est asiatico può fare. Se volete iniziare ad avere qualche notizia sulla città prima di recarvici, ci sono tantissimi blog e siti che danno informazioni dettagliate su quanto accade in città, sulle sue curiosità e la sua incredibile vita: per ora ve ne segnaliamo solo alcuni in inglese, non perché non ve ne siano in italiano, ma perché sono tenuti e scritti da persone abitanti in città da lungo tempo e quindi particolarmente ricchi di notizie:
www.absolutelybangkok.com ricchissimo di link ad altri siti
www.gnarlykitty.blogspot.com di una blogger thailandese
www.2bangkok.com per chi fosse interessato anche alla storia della città oltre che dall'attualità.

Cominciamo allora questo lungo giro alla scoperta di Bangkok. Partiamo dal luogo che ha dato la nascita alla città: Ko Ratanakosin è il sito su cui sorgono i palazzi e i templi più famosi della città oltre che musei e mercati e i luohi di interesse culturale tipi della Bangkok più vera. Collegata da battelli si trova Thonburi antica capitale e altrettanto ricca di templi e luoghi da vedere. A Ko Ratanakosin si trova una delle maggiori attrazioni turistiche della città oltre che luogo di pellegrinaggio per i buddhisti: si tratta del Wat Phra Kaew cioè il Tempio del Buddha di Smeraldo. Questo luogo, che si estende su una superficie di quasi cento ettari racchiude edifici sacri e civili rappresentanti quello che viene chiamato lo stile della "Vecchia Bangkok". In prossimità del tempio si trova il Palazzo Reale con i suoi sontuosi edifici tra cui il Palazzo Boromhiman in stile francese e il Palazzo Amarindra oggi usato per le incoronazioni. L'edificio più maestoso della zona è il Chakri Mahaprasat affascinanate miscuglio di architettura del Rinascimento italiano e architettura thailandese, con le sue guglie riccamente decorate.

Meno visitato del Wat Phra ma non certo meno suggestivo il Wat Pho con il suo immenso Buddha disteso: lungo quasi 50 metri è la rappresentazione del passaggio del Buddha al Nirvana, rivestito di lamine dorate e inserzioni di madreperla. L'importanza del luogo è data dal fatto che qui c'è la sede nazionale per l'insegnamento e la divulgazione di una delle più radicate e famose tradizioni thailandesi: la medicina tradizionale e i massaggi. Nei terreni che circondano il tempio è possibile anche trovare alcune iscrizioni pietrose su cui sono incise e illustrate posizioni yoga e tecniche di massaggio. Non lontano da questo tempio si trova un luogo davvero imperdibile: il mercato degli amuleti, con i suoi personaggi e la sua caratteristica atmosfera. E per ritornare all'aspetto spirituale, così importante per la cultura thailandese, ci si deve fermare a fare una visita al Lak Meuang, una colonna di legno all'interno di un santuario bianco. Questa colonna rappresenta lo spirito che veglia sulla città.

Moltissimi sono i templi che danno a questa zona della città l'aspetto così tipico che abbiamo imparato a conoscere pensando e sognando questa città. Ma uno ancora che non dovrebbe mancare in una visita a Bangkok è il Wat Saket: situato su una collina artificiale, permette di godere, dopo essere saliti per una scalinata piuttosto tortuosa, consente di godere di una delle più suggestive viste di tutta la città.

Siamo consapevoli di come sia impossibile dire e raccontare tutto quello che c'è da vedere a Bangkok: ci vorrebbe un intero testo solo per descrivere le migliaia di attrazioni di questa enorme città di più di sette milioni di abitanti. Cerchiamo comunque di proseguire indicando alcune delle mete più famose e caratteristiche, tendendo presente però che una città come questa richiederebbe ben più di una visita. Comunque non può mancare un giro nella Chinatown di Bangkok: qui non troverete templi ma un intrico di stradine e vicoli con bancarelle e mercati tra cui smarrirsi potrebbe essere una delle esperienze più belle da vivere in questa città. Il quartiere, nato nel 1782, non ha, da allora, subito particolari mutazioni tanto che è ancora possibile, passeggiando per le su strade, ascoltare i più diversi dialetti cinesi e assaggiare un tipo di cucina assolutamente introvabile nel resto del paese. Allora visitate il Talat Noi uno dei più antichi e deliziosi quartieri, con viuzze e edifici tradizionali tra cui il San Jao Sien Khong, il più antico santuario cinese.

Siam Square e Pratunam sono le zone della città in cui a farla da padroni sono i giganteschi centri commerciali e i grattacieli che costituiscono il contraltare alla più tradizionale Bangkok con i suoi templi e le vestigia del passato. Nella parte centrale della città l'unica zona forse degna di nota è Dusit, il quartiere reale con il Parco del Palazzo Dusit, il Vimanmaek Teak Mansion ex residenza reale oltre ad essere il più grande edificio al mondo costruito in teak e il Palazzo del Trono di Abhisek e la sua suggestiva architettura a metà tra stile vittoriano e influenze moresche.

Massaggi tradizionali
massaggio thailandeseE dopo tanto girare, guardare, templi e traffico, rumore e mercatini, Bangokok sa anche come regalarvi momenti di relax e riposo. Una tradizione assolutamente radicata è l'arte del massaggio. Moltissimi sono i centri in cui farsi coccolare e provare questa vera e propria istituzione della cultura thailandese: tra i più famosi della città il Coran Boutique Spa che si avvale della professionalità di diplomati nel vicino Thai Traditional Medical Services Society. Per avere informazioni più dettagliate potete consultare il sito www.coranbangkok.com Ruen-Nuad Massage Studio situato in un bellissimo edificio di legno con un'atmosfera davvero elegante per offrire il vero massaggio thailandese.


Spa
spaAnche i centri benessere stanno diventando una delle maggiori attrattive della città, forse anche per disintossicarsi dai suoi ritmi. C'è un sito consultando il quale potrete avere tutte le informazioni su questi centri www.spasinbangkok.com. Ma uno da non perdere assolutamente è il Oriental Spa, quasi unanimamente riconosciuto come il centro benessere migliore al mondo. Situato in un edificio in legno, sulle sponde del fiume Chao Phraya può godere anche di una ubicazione davvero da favola.


Yoga
yoga a bangkokQuesta disciplina sta trovando sempre più seguaci e praticanti e a Bangkok sono molti i centri in cui seguire corsi e avvicinarsi a questa vera e propria filosofia. Per quanto internazionale e multiculturale Bankok è pur sempre una città orientale in cui gli spazi per la tradizione e la cultura milleniaria hanno un notevole spazio. Tanti sono i luoghi in cui praticare questa disciplina; molti, anche per venire incontro alle esigenze degli occidentali, si basano su metodi più incentrati sull'aspetto dell'attività fisica piuttosto che su quello meditativo. Ma in città ormai si trova davvero di tutto.


Meditazione
meditazioneAnche per questo aspetto Bangkok non deluderà chi, tra un'escursione e l'altra, ama dedicare a sé stesso momenti di distacco dagli aspetti più materialisti della vita. Molti sono i centri in cui praticare la meditazione buddhista. Tra le fonti di informazione più serie ci sono sicuramente il Dharma Thai (www.dharmathai.org) e il World Fellowship of Buddhists (www.wfb-hq.org)


Muay Thai
muay thaiNegli ultimi anni questa disciplina ha conosciuto una crescita di interesse davvero straordinaria, al punto da aver non solo fatto moltiplicare i centri in cui si pratica, ma indotto molti di questi a offrire anche vitto e alloggio ai praticanti. Il sito www.muaythai.com da tutte le informazioni sui centri presenti in città e in tutto il paese.


Mangiare
cucina thailandeseInutile dire che a Bangkok è possibile trovare qualunque tipo di cucina. Moltissimi sono gli stranieri che hanno eciso di vivere qui e di darsi alla ristorazione e a tutto ciò che ruota attorno al turismo e al business. Quindi il numero di ristoranti e la loro tipologia è quanto di più vario si possa trovare in una città. Però, visto che siete arrivati fino a qui, dovreste davvero conoscere la tipiche cucina thailandese Tra i ristoranti più tipici il Krua Noppharat, piccolo, a conduzione familiare con deliziosi piatti della Thailandia centro meridionale. Il Kalapapruek è uno dei più famosi della città e propone una cucina di quasi ogni zona della Thailandia. E se volete mangiare il curry più buono di tutta la città fermatevi al Khrua Aroy Aroy: nonostante il caldo e l'affollamento che lo contraddistinguono merita una visita.

Questa è solo una essenziale presentazione di una città a cui si potrebbe dedicare un sito intero. Noi l'abbiamo considerata come prima tappa di questo lungo e affascinante viaggio nel più bel paese del Sud est asiatico.






Scrivici se hai domande o richieste sulla Thailandia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Commento